Personal Shopper OVS

Personal Shopper OVS

Come cambiano le professioni e l’esperienza d’acquisto

Le aziende del fashion retail stanno rispondendo con tanta creatività alle limitazioni dovute al lock-down che ha tagliato di netto e all’improvviso ogni contatto diretto con la propria clientela anche quella più fedele.

Con la riapertura degli store si contribuirà a innescare un processo di lenta integrazione tra online e offline.

Nuove proposte e sviluppi che interverranno nel breve-medio periodo sulla fisionomia del mercato del lavoro ma anche sull’esperienza d’acquisto.

Probabilmente assisteremo a più processi di trasformazione e riqualificazione di professionalità.

Da capire se ciò avverrà sotto la guida strategica dei brand a favore dei propri dipendenti o sarà affidata tacitamente alla sensibilità e intraprendenza dei singoli professionisti.

A riguardo ritorno sul tema dei Digital Personal Shopper e lo faccio per raccontarti il successo dell’iniziativa di OVS.

Ti racconterò chi è e cosa fa il DPS e come usufruire del servizio qualora fossi un cliente o semplicemente curioso di provarlo.

Cosa fa un Digital Personal Shopper 

Il Digital Personal Shopper è una figura professionale piuttosto recente che si occupa principalmente di:

  • guidare il cliente nella scelta dei capi e degli accessori più vicini alle proprie caratteristiche, gusti e occasioni di utilizzo;
  • illustrare per ogni articolo aspetti legati a tessuti, vestibilità, possibili abbinamenti ed un’eventuale integrazione con il guardaroba;
  • creare un rapporto di fidelizzazione che possa svilupparsi acquisto dopo acquisto.

Che tipo di formazione occorre seguire per svolgere questa professione?

Dipende dal tuo back-ground formativo ma soprattutto dalla carriera maturata finora.

Hai lavorato come sales assistant o consulente d’immagine?

Perfetto!

Ti dico questo perché le competenze richieste ad un DPS sono piuttosto vaste:

  • conoscenza della figura umana (taglie, proporzioni, vestibilità);
  • armocromia (a ognuno il proprio colore);
  • aggiornamento costante su tendenze, tessuti, abbinamento capi e accessori;
  • orientamento al cliente;
  • capacità relazionali e di ascolto attivo.

A queste si aggiungono le digital skills:

  • capacità nell’utilizzo di tools per chat e video-chiamate;
  • abilità nel realizzare foto e video;
  • utilizzo autonomo dei social network ed in particolare di Instagram;
  • competenze informatiche utile per le attività di mappatura del cliente su CRM, invio mailing dedicato o supporto all’acquisto su e-commerce.

Molti brand in queste settimane di lock-down si sono riorganizzate con i propri dipendenti per accompagnare i clienti in una nuova modalità d’acquisto sempre più digitale ma capace di garantire una forte componente relazione fondamentale per la fidelizzazione.

Che fare se non è l’azienda a leggere questi nuovi bisogni del mercato?

Formati da sola!

Trovi delle ottime risorse su Udemy, Progetto TRIO, e perché no anche Google Digital Training più specificamente per le skills digitali e il marketing territoriale.

OVS e il progetto Chatto e Acquisto

Ecco cosa ha creato OVS con grande soddisfazione della sua clientela più fedele me compresa.

In queste settimane chi ha sempre acquistato su e-commerce probabilmente avrà incrementato ulteriormente le sue abitudini non potendo avere accesso agli store fisici.

Viceversa chi non è avvezzo, capace o abilitato a farlo semplicemente non ha acquistato!

I dati di settore parlano chiaro e ci dicono che un e-commerce per quanto curato in ogni suo dettaglio non può eguagliare per un brand il flusso di vendita di una rete di negozi presente in modo capillare sul territorio.

OVS ha letto bene i bisogni della propria clientela e ha creato un’esperienza che integra magistralmente l’esperienza d’acquisto virtuale con quella più umana tipica dello store.

Il progetto Chatto e Acquisto include il servizio del Digital Personal Shopper ma con alcune novità davvero sorprendenti.

Ti racconto come funziona:

  1. il cliente contatta lo store di riferimento su WhatsApp tramite video-chiamata (trova qui il tuo) e parla direttamente con il DPS dedicato. Il servizio è attivo dal lunedì al sabato dalle 10.30 alle 17.30;
  2. potrai visionare la collezione e i capi di tuo interesse presenti nel magazzino di quel ben preciso store consultato. Sarai guidato nell’acquisto online ma da un professionista della vendita che presto potrai incontrare di persona nello store perché è un dipendente che OVS ha coinvolto in un progetto di crescita;
  3. riceverai il tuo ordine entro 48 ore, sì perché quello che hai scelto è disponibile come se lo acquistassi tu stesso fisicamente.

Un’ulteriore novità per venire in contro a tutta la clientela soprattutto quella meno digitale è la possibilità di pagare alla consegna anche in contanti.

OVS con quest’opzione di pagamento ha lanciato un chiaro segnale: conosce i propri clienti!

Personalmente di questa iniziativa ho molto apprezzato:

  • il tentativo d’integrazione tra due esperienze d’acquisto differenti (online e offline);
  • il coinvolgimento dei propri dipendenti in un progetto innovativo e sfidante ma che al contempo riqualifica in chiave digitale la propria forza lavoro;
  • la sensibilità rispetto a tutta la propria clientela senza esclusioni.

Davvero complimenti!

Annuncio pubblicitario

A proposito Dell'autore

Claudia Campisi

Claudia, 37 anni. Psicologa, Career Coach & Hr specializzata nei settori Moda & ICT. Inevitabilmente Blogger, appassionata di lettura e alla costante ricerca di nuovi tools digitali da provare e condividere…meglio se a costo zero. Mamma di due splendidi bambini e un Beagle...in arrivo anche il secondo. Il mio motto non può che essere Smile is Chic!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tweets Recenti

Siti amici

Cerca lavoro con Jooble

WhatsApp Chatta con Claudia