Fondo Nuove Competenze al via le domande

Fondo Nuove Competenze al via le domande

Tutto pronto per richiedere il Fondo Nuove Competenze per formare e riqualificare il personale dipendente

Con il decreto attuativo firmato lo scorso 17 settembre dal Ministero del Lavoro e dell’Economia direi che ci siamo!

I 15 giorni dalla firma sono trascorsi, aspettiamo, dunque, l’avviso sul portale ANPAL.

L’Ente Nazionale è, infatti, preposto alla raccolta delle domande in collaborazione con le Regioni. 

Qualche settimana fa avevo proposto il tema (puoi rileggere qui il mio contributo) riflettendo sull’importanza per le aziende di giocare d’anticipo con le attività di valutazione delle competenze e stesura di un piano formativo.

Se l’obiettivo è formare o riqualificare il personale in forza diventa fondamentale scegliere degli aspetti strategici su cui intervenire con la formazione per favorire la crescita e l’espressione del valore generato da questa iniziativa.

È evidente che non c’è più tempo da perdere!

Per te alcune informazioni per non farti cogliere impreparato:

  • chi può richiederlo
  • che tipo di formazione può essere finanziata
  • come usufruirne.

Ti aspetto nei commenti se ti va!

Come funziona il Fondo Nuove Competenze

La misura, è stata introdotta dal Decreto Rilancio ed è stata ulteriormente rafforzata dal Decreto Agosto. Seppur non ancora attiva, è prevista l’adozione della stessa fino al 31 dicembre 2021.

Il Fondo Nuove Competenze mette a disposizione dei datori di lavoro un budget di 730 milioni di euro per:

  • aggiornare e sviluppare le competenze del personale dipendente;
  • riqualificare e innovare le skills della popolazione aziendale.

L’elemento distintivo dell’iniziativa è dato dall’opportunità di formare la forza lavoro all’interno dell’orario di servizio.

Ministro-Catalfo-Fondo-nuove-competenze

Questo comporta per le aziende un duplice vantaggio:

  1. risparmiare sul costo del lavoro per il monte ore destinato alle attività formative;
  2. gli effetti positivi in termini di know how acquisito o sviluppato dai propri collaboratori.

Nel mio precedente articolo avevo consigliato a riguardo, in attesa dell’avvio delle procedure di richiesta dei finanziamenti, di valutare le esigenze di formazione.

Questo perché i percorsi formativi finanziati con il Fondo Nuove Competenze dovranno iniziare prima della fine del 2020.

Un’altra scadenza da non sottovalutare è quella legata alla firma degli accordi sindacali preventivi a tutela dei lavoratori coinvolti nelle progettualità.

In questo caso il termine per siglare l’accordo tra azienda e sindacati è per il 31 Dicembre 2020.

Questi ultimi devono contenere una proposta che illustri quali sono i fabbisogni di nuove competenze legati alla trasformazione dell’impresa o alla promozione del livello potenziale di employability del lavoratore presso altre aziende.

Possono, pertanto, usufruirne tutte le aziende che per rimanere competitive sul mercato di riferimento intendono intervenire con elementi di innovazione rispetto al proprio core business.

Alle Regioni il compito di supportare l’Anpal nella valutazione delle domande di finanziamento avanzate dalle imprese.

Come usufruire del Fondo Nuove Competenze

Identificate le esigenze formative della popolazione aziendale è possibile immaginare un percorso considerando che:

  • può erogare la formazione, riconosciuti preventivamente i requisiti, anche il soggetto richiedente il contributo (l’azienda);
  • le attività dovranno concludersi entro 90 giorni dall’approvazione della domanda da parte di ANPAL (120 giorni se coinvolti i fondi interprofessionali);
  • è previsto un numero di ore dell’orario di lavoro da destinare a percorsi per lo sviluppo delle competenze (con un limite fissato ad un massimo di 250 ore per ogni lavoratore).

Il finanziamento autorizzato dall’ANPAL è sottoforma di sgravio contributivo operato dall’INPS.

Coprirà il costo del personale relativo alle ore di frequenza in cui è risultato impegnato nelle attività di formazione o riqualificazione.

Un risparmio tangibile che volendo puoi già calcolare con l’aiuto del tuo consulente del lavoro!

ANPAL-numero-verde

Per partire ricapitolando serve:

  • una valutazione dei bisogni formativi del personale da coinvolgere;
  • un partner o più di uno per le fasi di progettazione ed erogazione della formazione;
  • il sindacato per siglare un accordo di secondo livello.

Prestando la massima attenzione ai tempi e alle scadenze per non rischiare di perdere quest’opportunità!

Mi raccomando coinvolgi attivamente i diretti interessati rassicurandoli del fatto che il vantaggio non è a beneficio esclusivo dell’azienda.

Se ti va di confrontarti sull’argomento ti aspetto nei commenti!

Annuncio pubblicitario

A proposito Dell'autore

Claudia Campisi

Claudia, 37 anni. Psicologa, Career Coach & Hr specializzata nei settori Moda & ICT. Inevitabilmente Blogger, appassionata di lettura e alla costante ricerca di nuovi tools digitali da provare e condividere…meglio se a costo zero. Mamma di due splendidi bambini e un Beagle...in arrivo anche il secondo. Il mio motto non può che essere Smile is Chic!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tweets Recenti

Siti amici

Cerca lavoro con Jooble

WhatsApp Chatta con Claudia